“Novanta” su Qlibri

logoNAPOLI TRA SOGNI, SMORFIA E REALTÀ

In una vecchia canzone (“Anche un uomo”) Mina, da adulta, ammoniva una giovane donna sulle creature dotate di cromosoma xy: “Ragazza mia, ti spiego gli uomini…” Poi seguivano, tra gorgheggi, sospiri e miagolii, le disincantate considerazioni dell’inossidabile cantante sul genere maschile.
Operazione analoga – almeno nella struttura, non certamente nei contenuti – compie in “Novanta” Lorenzo Marone, che nella dedica autografata in prima pagina recita: “A Bruno… provo a spiegare la mia città”.
Perché in quest’opera composta da novanta racconti, lo scrittore partenopeo affresca altrettante situazioni e regala altrettante impressioni, ciascuna delle quali viene abbinata al numero e al simbolo de La Smorfia.

Per esemplificare la varietà di eventi e personaggi rappresentati nei racconti, mi avvarrò del medesimo espediente e dunque fornirò… due combinazioni da giocare sulla ruota di Napoli. Ma anticipo subito la mia conclusione: l’esperimento di Lorenzo Marone – spiegarmi Napoli – è perfettamente riuscito!

PRIMA COMBINAZIONE

21. ‘A femmena annura – Un racconto che illustra la doppia anima di una città complessa e anche sotterranea: “Esistono due Midtown qui: quella di sopra e quella di sotto”.

26. Nanninella – Le adolescenti non rinunciano ai loro sogni, neppure “a cavallo della superstrada Nola-Villa Literno… la terra dei fuochi … da quando quello scrittore si è messo a parlare della camorra che si serve dei rom per accendere i rifiuti tossici…”

29. ‘O pate d’e ccriature – La religione è più superstizione che fede, dinnanzi all’immagine di San Raffaele: “Non deve baciare il santo, ma il pesce che questi ha in mano”.

46. ‘E denare – Un particolare ragguardevole di questo racconto è che il termine “usuraia” o “strozzina” non viene mai impiegato per Donna Assunta (“Li devi restituire in due anni. Ventiquattro rate da cinquemila euro”. E, visto che parliamo di numeri, la somma è “quasi il doppio di quanto ha avuto”).

86. ‘A puteca – La bottega è un minimarket di Scampia. Lorenzo Marone qui scatta le istantanee dei clienti…

SECONDA COMBINAZIONE

22. ‘O pazzo – Non poteva mancare lui, il parcheggiatore abusivo. Perché l’estorsione può anche essere infinitesima e “con un euro, in questa città, ti compri la pace”.

27. ‘O cantaro – Così come non poteva mancare il falso cieco smascherato nei fatti di cronaca: “Sei invalido”, glielo deve ricordare il narratore!

28. ‘E zizze – Alias l’erotismo rappresentato con lo stilema della sceneggiata: “Patrizia si affaccia al balcone per ritirare i panni… ha il seno più bello del rione.”

47. ‘O muorto – Quante manfrine, quanti legulei per seppellire il caro estinto! E che dire della scaramanzia…

90. ‘A paura – Paura è quella di una ragazza che si sente inseguita quando “è tardi e le strade sono buie”.

Però adesso la smetto, di dare i numeri. Ma aggiungo una piccola raccomandazione: se giocherete una di queste combinazioni e vincerete, ricordatevi di chi ve l’ha suggerita.
Concludo il mio commento su “Novanta” tornando alla dedica e, guarda caso!, al testo della canzone di Mina:
… Son tanto fragili, fragili
tu maneggiali con cura
fatti di briciole, briciole
che l’orgoglio tiene su…
Lorenzo Marone, che ne dici, questi versi si adattano anche ai napoletani?

Bruno Elpis




Leave a Reply

12718097_420070478163243_7387592846837102378_n
Giovanna e…la tentazione di essere felici!
12745682_916634528453103_4726569052875537428_n
Al Premio letterario Rieti
17757551_1007192772747145_3294716487144235265_n
Le foto di tre giorni con accanto il mare…
11241026_318496924987266_3710524266045657044_n
Nella magnifica Locorotondo (special guest Niccolò Fabi)